Marie Malherbe

Agenda

Il Cantico dei Cantici

Venice, Venise, Italie

mercoledì 3 Luglio 2019
mercoledì 31 Luglio 2019

I Sogni di San Giuseppe

Peregrinikapelle Wien

martedì 19 Marzo 2019
domenica 24 Marzo 2019

Installation sur les colonnes de la Peregrinikappelle (diptyque)joseph-jpg.jpg.

La "Madonna-Contrabasso"

Peregrinikapelle (Saint Peregrine's Chapel), Servitenplatz, 1090 Wien (Vienna), Austria

sabato 8 Dicembre 2018
venerdì 1 Marzo 2019

La "Madonna-Contrabasso" è una rivisitazione dell'iconografia bizantina tradizionale, rivisitazione ibrida tra la Vergine del Segno e la Hodegetria. La Madonna porta il Figlio dentro di se e allo stesso tempo lo mostra al mondo. La composizione che ne risulta richiama la forma del contrabasso, strumento discreto e misterioso, femminile e materno nella sua rotondità serena, e la sua solidità generosa che sostiene tutto. La Madre è quello strumento il cui corpo (verticale) e la cui anima (quella piccola parte che produce il suono negli strumenti a corda) fanno risuonare un nuovo Suono dato all'umanità : quello del Figlio. La Madonna è la matrice che si fa silenzio e cassa di risonanza per diffondere nel mondo la Voce del Verbo fatto carne.

Biznaga Tribute

Fondamenta Tolentini, Santa Croce 167

martedì 23 Ottobre 2018
domenica 4 Novembre 2018

Restrospective exhibition in the Biznaga Gallery

biznaga-tribute-window-web.jpg

The Prophet and the City

Venise, Italie

domenica 1 Luglio 2018
martedì 31 Luglio 2018

Un ciclo sulla vocazione spirituale della città di Gerusalemme, rivisitando il linguaggio pittorico di miniature medievali.
A series of paintings exploring the spiritual mission of the Holy City. A tribute to medieval illuminations in a revisited manner.

the-prophet-and-the-city-page-001.jpg

Lichtweg im Servitenkloster

Servitenkirche "Maria Verkündigung", Servitengasse, Vienne, Autriche

lunedì 16 Aprile 2018
lunedì 21 Maggio 2018

Osterlichtweg in 8 Stationen zum Thema Präsenz Christi nach der Auferstehung.

via-lucis-2018-web-page-001.jpg

VIA LUCIS IN BATTISTERO

Trévise, Italie

domenica 1 Aprile 2018
domenica 20 Maggio 2018

Un percorso sul mistero di Pasqua in 14 stazioni esposte nel Battistero della cattedrale di Treviso durante il tempo pasquale.
Curatori : Giovanna Azzola e Luigi Bertin

img-20180402-wa0003.jpg

Kreuzweg im Servitenkloster

Servitenplatz, 1090 Wien (Vienna)

martedì 27 Febbraio 2018
sabato 31 Marzo 2018

Kreuzweg

via-crucis-im-servitenkloster.jpg

VIA CRUCIS in Battistero

Trévise, Italie

mercoledì 14 Febbraio 2018
sabato 31 Marzo 2018

Il Battistero San Giovanni, nel cuore di Treviso, viene riaperto al culto dopo i lavori di restauro.
Durante la Quaresima vengono presentate le stazioni del Cammino della Croce in 14 'porte' per entrare nel mistero.
"O ignorate forse che tutti noi, che siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Perché se siamo stati totalmente uniti a lui in una morte simile alla sua, lo saremo anche in una risurrezione simile alla sua." (Rom 6, 3-5)

A l'occasion de la réouverture du Baptistère Saint Jean au coeur de Trévise, les stations du Chemin de Croix sont présentées en 14 'portes' qui proposent d'entrer dans le mystère de la Croix et du Baptême.
"Ignorez-vous que nous tous qui avons été baptisés en Jésus Christ, c'est en sa mort que nous avons été baptisés? Car si nous avons été unis à lui par une mort semblable à la sienne, nous le serons aussi par une résurrection semblable à la sienne." (Rom 6: 3-5)

via-crucis-in-battistero.jpg

"Forma Ovi"

Piazza della Rotonda, Badoere (TV), Italy

sabato 3 Febbraio 2018
sabato 28 Aprile 2018

Multi-artist exhibition
curated by Prof. Marino Zancanella & Davide Gabriele, architetti

"La Centuriazione informa le capacità cognitive umane e con esse le proprietà ascrivibili alla coscienza, vale a dire riconducibili al risultato di un lungo processo evolutivo riguardante gli aspetti morfologici e funzionali della mente; quest’ultima intesa come sistema che forma abitudini: comportamenti inconsapevoli risultato delle esperienze passate, senza però che tali esperienze assumano la consapevolezza di modelli strutturati. Nel tempo si distillano così le forme preferite che tendono a riconfermare l’ordine. (...)
La composizione che realizza il Palladio è di una geniale semplicità: egli mantiene la struttura del palazzo veneziano tripartito ma aggiunge ai lati due barchesse, giustapposte al nucleo centrale, lungo la linea parallela al decumano. Le barchesse, costruzioni mutuate dalla complessa storia navale che parte dai Greci e arriva a Venezia, prendono origine dalle fabbriche dell’Arsenale veneziano: grandi spazi a pianta libera adibiti alle costruzioni navali. Generalmente le barchesse hanno infatti il tetto a forma di carena di nave, perché i veneziani, figli dei bizantini, preferivano costruire la struttura del tetto come una carena di nave rovesciata, strutturalmente autonoma, che potesse quindi ben adattarsi ai cedimenti tipici dei terreni lagunari. Le barchesse disseminate nel territorio centuriato, assomigliano a frammenti di un acquedotto romano inseriti nella natura, intesa come seconda natura e si configurano ben ordinate come le coltivazioni. (...)"

locandina-forma-ovi-2018.jpg

Avvento

Santa Croce 167, Fondamenta dei Tolentini, Venise, Italie

giovedì 7 Dicembre 2017
lunedì 11 Dicembre 2017

Mostra di Avvento

avvento-web-page-001.jpg

CANTO a ZENOBIA

made in.. Art gallery Campiello Lavadori di Lana, Santa Croce 270/D, Venezia

domenica 22 Ottobre 2017
lunedì 6 Novembre 2017

Un ciclo ispirato alle opere salvate di Palmira, e alla cità dell'antico Oriente.
Curatrice : Chiara Boscolo, per made in..Art gallery
Presentazione di Francesca Brandes

Il ciclo Canto a Zenobia è un omaggio ai recenti restauri dei bassorilievi di Palmira, un lavoro bellissimo dell'Istituto Superiore della Conservazione e del Restauro italiano, recentemente esposti ad Aquileia. Questo ciclo di pittura si ispira a diversi frammenti archeologici (busti funerali e ceramiche) come testimoni fragili di una città che fu incrocio di civiltà. L’affascinante figura di Zenobia, regina guerriera e ambiziosa ma anche donna di grande apertura intellettuale, ci fa entrare in un mondo colto dove s’intrecciano le culture egizia, greca, armena, palmirena e romana. Un canto all’amore rispettoso tra civiltà diverse, all’esigenza interiore di conoscenza reciproca nella ricerca comune della bellezza e della saggezza.

canto-a-zenobia-ii-web-page-001.jpg

JACOB

Galerie IMAGOARS Campo del Ghetto Vecchio Cannaregio 1145 VENISE

sabato 1 Luglio 2017
lunedì 7 Agosto 2017

un travail sur les scènes de la vie de Jacob d'après la Genèse

jacob-ghetto-2017.jpg

ANGELUS Domini nuntiavit Mariae

Grünentorgasse 16a, 1090 WIEN (Vienna)

venerdì 28 Aprile 2017
giovedì 31 Agosto 2017

Installation in der restaurierten Peregrinikapelle

peregrinikapelle-page-001.jpg

ANGELUS Domini nuntiavit Mariae

Peregrinikapelle, Servitenkirche, Servitenplatz 9, WIEN (Vienna)

venerdì 28 Aprile 2017
mercoledì 31 Maggio 2017

Diptyque de l'Annonciation pour la Peregrinikapelle restaurée

angelus-new-page-001.jpg

VIA LUCIS

Servitenkloster, 1090 Wien (Vienna)

domenica 16 Aprile 2017
martedì 30 Maggio 2017

Ausstellung der Auferstehung im Servitenkloster

via-lucis-servitenkloster-page-001.jpg

LOOK UP !

Galleria La Biznaga Fondamenta Tolentini Santa Croce 167 Venezia

sabato 18 Febbraio 2017
domenica 5 Marzo 2017

Mostra in occasione del Carnevale di Venezia

look-up-invito-page-001.jpg

VIA CRUCIS

Servitenkloster 1090 Wien (Vienna)

venerdì 7 Aprile 2017
sabato 15 Aprile 2017

Eine Interpretation der 14 Stationen der Via Crucis für die Karwoche

via-crucis-marie-page-001.jpg

Il Giardino della Misericordia - le colonne del Giubileo ed altre opere

Museo Diocesano Treviso

sabato 15 Ottobre 2016
domenica 11 Dicembre 2016

Mostra di chiusura dell'anno del Giubileo : le colonne originali del Duomo ed altre opere sul tema.

Curatrice : Giovanna Azzola
Supervisione tecnica : Luigi Bertin
Art Director : Giovanni Gianola

Un dialogo con la contemporaneità: è l’obiettivo che si pone il museo diocesano di arte sacra ospitando la mostra delle opere di Marie Malherbe, l’autrice del ciclo pittorico che in questi mesi ha “vestito” le colonne della nostra chiesa cattedrale per valorizzarne la Porta santa in occasione del Giubileo della misericordia. L’opera è stata intitolata significativamente “Il Giardino della Misericordia”. In continuità con il percorso pensato dalla Diocesi di Treviso per celebrare il Giubileo, il Museo Diocesano presenta, quindi, la mostra: “Il giardino della Misericordia, il Giubileo visto da Marie Malherbe, le colonne ed altre opere”, che si terrà dal 15 ottobre al 27 novembre. “Se per un museo diocesano la salvaguardia del patrimonio di fede, trasmessoci da chi ci ha preceduto, è certamente un dovere imprescindibile – spiega il direttore, don Luca Vialetto - questo non va, però, inteso semplicemente come la gelosa e chiusa custodia di un patrimonio, ma come lo sforzo di rendere quell’eredità capace di parlare anche a noi oggi. Per questo il museo diocesano con le sue opere non vogliono essere percepiti solo come la bella cornice che raccoglie la mostra di Marie Malherbe ma intendono dialogare con le opere di questa artista perché nella reciproca relazione si arricchiscano vicendevolmente. In un momento come quello attuale in cui spesso, all’interno delle nostre chiese, fatichiamo a dialogare con il contemporaneo – aggiunge don Luca -, rifugiandoci in forme d’arte che probabilmente ci fanno sentire più tranquilli e sicuri, ma che spesso si limitano ad imitare o riproporre il passato, proporre una mostra come quella di Marie Malherbe vuole essere un invito al coraggio, alla ricerca e alla sperimentazione. Sperimentare nuovi linguaggi, accettando il rischio che non siano immediatamente compresi, ma, sicuramente, anche coinvolgere e affascinare, per dire all’uomo di oggi la fede di sempre”. Apertura mostra: dal 15 ottobre al 27 novembre (feriali e domenica 15-18, sabato 10-13 / 15-18).
INCONTRO CON L’ARTISTA: il 29 ottobre, alle 11.15, l’artista sarà presente al museo, per “raccontare” la mostra e il progetto del “Giardino della misericordia”.

locandina-mostra-marie-page-001.jpg

Danse avec l' Ange

Galleria La Biznaga Fondamenta Tolentini Santa Croce 167, Venezia

domenica 23 Ottobre 2016
lunedì 21 Novembre 2016

Presentazione della mostra da Francesca Brandes (estratti):

La visione di Marie Malherbe, in questa mostra coerente e raffinata, privilegia alcuni elementi introspettivi, secondo lo spessore intellettuale che le è proprio, coniugandoli con un colore cristallino che possiede la luminosità del diamante. Di tutte le mostre di Marie che ho avuto il piacere e l’onore di vedere, questa si precisa per una maturità di tratto e una chiarezza progettuale incredibili: non è lotta, ma danza, quella tra Giacobbe e ciò che Marie sceglie di chiamare “angelo”, danza di resistenza, di equilibrio, ma soprattutto danza di riconoscimento. L’attribuzione dell’identità, oltre, al di là dell’eroe, addirittura al di là dell’Onnipotente, passa appunto per il riconoscimento del limite, della nostra debolezza. Passa per quella ferita. Come se – sembra suggerire l’artista – fosse a partire da lì che si può costruire la propria specificità, la propria affermazione.
Parafrasando una citazione cara alla mistica cristiana del monte Athos, per quest’artista si potrebbe sostenere che lo scopo del fare arte, del disegnare, del dipingere è quello di mantenere imperturbata l’unione dell’essere umano con il divino amore e la pace. Marie Malherbe è sempre centrata sulla verticale psichica che regge tutta la sua esile, angelica figura, eretta ed assieme abbandonata al gesto che crea, perfettamente in sé. È in lei quella terza dimensione di cui parla il filosofo del monoteismo Heschel: Noi non viviamo soltanto nel tempo e nello spazio, ma anche nella consapevolezza del divino.
È lo stile dei contemplativi, che solleva all’orizzonte della visione ogni esperienza. All’artista è dato di danzare, come Giacobbe con il proprio angelo, come ciascuno con il proprio angelo. (...)

Francesca Brandes, Venezia, 28 ottobre 2016

danse-avec-l-ange-page-001.jpg


Realizzato da Artmajeur